Museo del Giocattolo di Istanbul: una bella attrazione per bambini

Museo del Giocattolo di Istanbul

Dopo aver visitato il sontuoso Palazzo di Topkapi, l’antica residenza dei sultani e gli storici edifici della Piazza Sultanahmet abbiamo dedicato un intero pomeriggio alla scoperta del Museo del Giocattolo di Istanbul.

Si tratta di un luogo particolare che sicuramente piacerà ai bambini, ma anche ai grandi che potranno fare un tuffo nella loro infanzia.

Più che un museo, infatti, è una splendida collezione di ben oltre 4.000 giocattoli e miniature provenienti non solo dalla Turchia, ma da tutto il mondo.

Il Museo del Giocattolo di Istanbul è stato fondato dal poeta e scrittore turco Sunay Akin.

In particolare, ha aperto i battenti il 23 aprile 2005, una giornata molto importante in Turchia, visto che ogni anno si celebra la festa del bambino.

Questo testimonia l’affetto e l’attenzione che il popolo turco dimostra nei confronti dei bambini e delle famiglie.

Museo del Giocattolo di Istanbul: dove si trova

Il Museo del Giocattolo si trova nella parte asiatica di Istanbul e più precisamente nel quartiere Göztepe.

E’ collocato in una posizione piuttosto lontana rispetto alle altre attrazioni della metropoli.

Vale la pena, comunque, raggiungerlo perché è una delle migliori attività che si possono fare a Istanbul con i bambini.

Se si alloggia nella parte europea, dove sono concentrati i maggiori luoghi d’interesse, il modo più facile per arrivare al Museo del Giocattolo di Istanbul è prendere la moderna linea di treni Marmaray.

Marmaray a Istanbul

Il Marmaray è il lungo tunnel che, passando sotto il Bosforo, unisce la sponda asiatica da quella europea.

In particolare, il nostro consiglio è quello di raggiungere la stazione di Sirkeci e di fermarsi a quella di Göztepe.

Il Museo del Giocattolo di Istanbul è collocato in una zona residenziale, quindi, dalla stazione sarà necessario camminare ancora per un quarto d’ora.

Purtroppo non ci sono indicazioni e muoversi tra queste vie, che sembrano tutte uguali, non è semplice.

Cerchiamo di darvi alcune dritte su come raggiungerlo agevolmente a piedi.

Appena scesi alla stazione Göztepe vi troverete ad un bivio, seguite la strada a destra fino alla fine della via.

Svoltate a destra e poi, al semaforo ancora a destra.

Appena possibile, attraversate la strada e andate sul marciapiede opposto, non ci sono molti attraversamenti pedonali.

Continuate dritto fino a che attraverserete un ponte dove sotto passa la ferrovia.

A questo punto prendete la strada a sinistra e continuate dritti e, dopo una curva a destra, prendete la prima a sinistra.

E’ una strada a senso unico pavimentata in porfido.

Continuate sempre dritti fino a che, dopo circa 200 metri, troverete le tre simpatiche giraffe che vi indicheranno che siete arrivati all’ingresso del Museo del Giocattolo di Istanbul!

Museo del Giocattolo di Istanbul: cosa vedere

In questa deliziosa dimora storica di color bianco sono raccolti nei suoi cinque piani oltre 4.000 giocattoli.

Ci sono giocattoli di ogni tipo e periodo realizzati con materiali diversi dal legno alla ceramica, di latta o di carta.

Molti dei giochi sono veri e propri oggetti d’antiquariato, alcuni hanno anche più di 200 anni.

Per questo il Museo del Giocattolo di Istanbul è il luogo in grado di risvegliare l’immaginazione di grandi e piccini.

Con i nostri bambini abbiamo condiviso i ricordi della nostra infanzia e anche quella dei loro nonni con i giocattoli più antichi.

Gli spazi all’interno di questa piccola casetta sono distribuiti in base ad un tema diverso con l’intento di rievocare specifici momenti della storia.

Ogni collezione, infatti, ricorda particolari eventi come lo sbarco sulla luna, la seconda guerra mondiale, la rivoluzione industriale.

L’intento del museo è quello di far divertire i bambini, ma anche quello di raccontare attraverso i giocattoli la cultura di differenti Paesi.

E’ un vero e proprio viaggio della storia del giocattolo, come una macchina del tempo che racconta l’infanzia dei bambini di diverse generazioni.

Orsetti al Museo del Giocattolo di Istanbul

Nel Museo del Giocattolo di Istanbul sono conservati oggetti unici, come ad esempio il primo Teddy Bear prodotto in onore delle vittime del Titanic nel 1912.

Si trovano anche trenini elettrici, soldatini, villaggi di indiani, macchinine, bambole, ogni pezzo completo di tutti i dettagli che rendono ancora più affascinante il museo.

Accanto ai giocattoli conservati in eleganti vetrine alcune stanze sono state ricostruite ad hoc.

Come ad esempio la camera del treno, progettata per ricreare una vecchia cabina con tanto di sedile e la riproduzione di un sottomarino.

Altre informazioni utili per la visita

Nel piano inferiore del museo si trova anche il Museo Cafè.

E’ possibile sorseggiare una buona tazza di thè in un luogo pieno di bambole, mobili e oggetti in miniatura, proprio come in una casa delle bambole.

Se passate nei fine settimana al museo vengono organizzati anche dei divertenti spettacoli nel teatrino delle marionette.

Inoltre, al Museo del Giocattolo è possibile partecipare ad alcuni interessanti laboratori.

Ad esempio i nostri bambini hanno potuto realizzare un robot giocattolo nella stanza dell’officina utilizzando materiali di scarto.

Se viaggiate ad Istanbul con i bambini vi consigliamo di inserire nel vostro itinerario anche una visita al Museo del Giocattolo di Istanbul.

Nonostante dovrete raggiungerlo appositamente avrete l’occasione di trovarvi in un quartiere turco e capire un po’ come si svolge la vita quotidiana di una metropoli così grande.

Abbiamo avuto anche la possibilità di stare a contatto con qualche famiglia turca e vedere che nonostante la lingua i bambini hanno sempre la passione per i giocattoli che possono unire i piccoli di tutto il mondo.


Ti potrebbe interessare anche:

Bimbi Viaggiatori a Instanbul

Istanbul con i bambini: la perla della Turchia


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.