Lago di Cei: una passeggiata con i bambini in Trentino

Passeggiata in autunno in Trentino

Sicuramente non è tra i laghi del Trentino più conosciuti, ma la sua posizione e il paesaggio che lo circonda rende il Lago di Cei uno specchio d’acqua davvero incantevole, ideale per una passeggiata con i bambini da fare in tutte le stagioni.

Questo tranquillo laghetto è raggiungibile sia da Trento che da Rovereto in soli 30 minuti d’auto ed è inserito nell’area protetta di Prà dell’Albi.

La bellezza di questo luogo è data soprattutto dalla vegetazione circostante molto ricca e variegata.

I magnifici boschi di conifere si alternano a faggi secolari, abeti, betulle e larici.

Mentre, intorno al lago si trovano salici e canneti.

Sulle rive, dove l’acqua è meno profonda, fioriscono delle colorate ninfee e i ranuncoli che conferiscono al lago un aspetto fiabesco.

Inoltre, al Lago di Cei cresce una specie molto rara di ninfee, l’Iris sibirica.

Questo splendido paesaggio è arricchito dalla catena di monti Stivo, Cornetto e Bondone che rispecchiano i loro profili nelle tranquille acque del lago.

Dove si trova il Lago di Cei

Il Lago di Cei è situato a 920 metri d’altitudine a pochi minuti dalla città di Rovereto, in particolare, fa parte del comune di Villa Lagarina.

Per chi arriva in autostrada l’uscita dell’A22 è Rovereto Nord.

Le indicazioni per il lago sono ben segnalate e attraversati i paesini di Pedersano e Castellano, dopo alcuni tratti in curva, compaiono i fitti boschi che nascondono, come per magia, il lago.

Vicino al Lago di Cei ci sono tre parcheggi gratuiti dove poter lasciare la macchina.

Il primo che si incontra, salendo da Rovereto, è il parcheggio più ampio.

Da qui parte anche il sentiero che conduce ad un’altra bellissima passeggiata quella che porta a Malga Cimana, il lago dista da qui 10 minuti.

Gli altri due parcheggi si trovano all’inizio e alla fine della passeggiata al Lago di Cei.

Lago di Cei: il giro del lago con i bambini

La nostra passeggiata al Lago di Cei con i bambini inizia da un sentiero pianeggiante che si può percorrere anche con i passeggini.

L’itinerario è completamente circondato dagli alberi e dopo pochi minuti si arriva ad un grande prato verde dove si possono già ammirare dei bei scorci del lago.

Dopo aver superato un albergo si prosegue su una strada sterrata e si giunge nel luogo, secondo noi, più bello per fotografare il lago.

A lato ci sono delle panche in legno dove potersi fermare con i bambini per un divertente pic nic al Lago di Cei.

Ma le cose più belle sono il pontile e la panca in legno dove poter ammirare il panorama in totale tranquillità.

I nostri bambini ne hanno approfittato per fare un bagno ai piedini, il lago è balneabile, ma l’acqua è decisamente freddina anche in estate.

Osservare le sponde del lago in questo punto è davvero uno spettacolo e se siete appassionati di fotografia, come noi, qui potete proprio sbizzarrivi.

Proseguendo il cammino dopo un breve tratto, sempre immerso nella natura, si arriva al parcheggio che conclude il primo tratto del giro del lago.

Attraversando la strada si trova anche un piccolo parco giochi con altalene e giochi per arrampicarsi.

La passeggiata intorno al Lago di Cei costeggia, poi, costeggia la strada.

Bisogna fare un po’ di attenzione con il passeggino, ma ci sono alcune stradine che fiancheggiano verdi prati e si può vedere il lago più piccolo chiamato anche Lagabis.

Il Lago di Cei, infatti, versa le sue acque, attraverso un rigagnolo, nel lago minore, il Lagabis che ha la forma di un piccolo imbuto.

Lago di Cei: una passeggiata in tutte le stagioni

Grazie alla ricchezza della sua vegetazione il Lago di Cei ospita diverse specie animali: pesci, uccelli, anatre, folaghe e raganelle.

Proprio per le sue caratteristiche naturali l’area in cui è inserito il Lago di Cei è stata inserita tra i biotopi, zone protette e tutelate di rara particolarità e bellezza.

Il Lago di Cei è certamente una meravigliosa oasi di pace e tranquillità dove organizzare, in qualsiasi stagione, una passeggiata con i bambini.

In estate per sfuggire alla calura si può godere di un po’ di fresco all’ombra dei tanti alberi che circondano il lago.

Inoltre, il Lago di Cei è balneabile e per chi non teme le sue gelide acque può fare un bagno rinfrescante.

Durante i mesi invernali, invece, il lago si ghiaccia e se nevica la sua superficie è coperta da un soffice manto bianco.

Con le cime innevate l’atmosfera si fa ancora più magica.

I mesi più belli però per visitare il Lago di Cei sono sicuramente la primavera e l’autunno.

In primavera fioriscono i fiori delle ninfee dai colori bianchi, rosa e talvolta azzurrini.

E’ una meraviglia vederle galleggiare sul pelo dell’acqua in sciami sparsi lungo questo lago alpino.

In autunno, quando le foglie cambiano colore, tingendosi delle sfumature più calde, dal giallo all’ocra e dal rosso al marrone, il Lago di Cei diventa uno spettacolo.

Gli amanti del foliage qui trovano sicuramente soddisfazione.

Passeggiare intorno ai boschi è ancora più bello visto che sulle sue sponde il silenzio è intervallato soltanto dal gracidio delle raganelle e dal canto degli uccelli.

E’ un’esperienza davvero bella stare a contatto con la natura che al Lago di Cei si può fare anche con i bambini.

Cosa fare nei dintorni del lago

Il giro del Lago di Cei non è l’unica passeggiata che si può fare con i bambini.

Da qui partono anche alcuni sentieri dove poter fare delle escursioni.

Semplicemente si può camminare nei boschi circostanti.

In autunno, poi, è bello calpestare le foglie cadute e sentire sotto i piedi il loro scricchiolio.

Nelle vicinanze del primo parcheggio vicino al lago, con una deviazione dalla strada provinciale, un facile sentiero, invece, porta alla Chiesetta de Probizer.

Dopo pochi minuti si arriva a questa piccola chiesa alpina immersa nel verde dove la quiete e il silenzio sono i protagonisti.

Un’altra escursione è quella che porta a malga Cimana.

La malga si trova a tre km dal Lago di Cei ed è raggiungibile anche in auto.

Il sentiero che porta alla malga parte dal parcheggio più ampio (il primo se si arriva da Rovereto).

E’ una bella passeggiata che si addentra nel bosco per circa un’oretta.

La malga è circondata da verdi prati ed offre anche la possibilità di gustare dei piatti tipici della zona.

Da qui, poi, si può godere di uno splendido panorama sulla vallata sottostante.

Se vi è piaciuto il nostro racconto e vuoi scoprire altri luoghi come questo, seguici su Facebook o su Instagram e vieni con noi a scoprire alcune delle nostre gite!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy Cookie Policy impostazioni tracciamento pubblicità