Sentiero Amolacqua: passeggiata in Trentino con bambini in Val Nambrone

Sentiero Amolacqua Val Nambrone Trentino

Di belle passeggiate in Trentino da fare in mezzo alla natura con i bambini ce ne sono tante, ogni territorio, infatti, offre occasioni per scoprire ed apprezzare la montagna, come il sentiero Amolacqua in Val Nambrone, graziosa valle laterale della Val Rendena.

Si tratta di un percorso semplice adatto anche alle famiglie che permette la scoperta di paesaggi incontaminati della Val Nambrone costeggiando il fiume Sarca.

L’itinerario si snoda all’interno del Parco Naturale Adamello Brenta ai piedi delle vette del gruppo Presanella tra boschi, laghetti, cascate e verdi prati.

Il tema, comunque, dominante del sentiero è l’acqua.

In mezzo al bosco si cammina attraversando dei prati sospesi sul fiume Sarca che forma laghetti ed anse dai colori tropicali e si ammira anche la spumeggiante cascata d’Amola.

Dei pannelli illustrativi, inoltre, spiegano l’importanza dell’acqua e il suo percorso in questo incantevole angolo di paradiso.

Sentiero Amolacqua: come raggiungere la Val Nambrone

Questo meraviglioso percorso si trova tra Pinzolo e il piccolo paesino di Sant’Antonio di Mavignola, vicino a Madonna di Campiglio.

In particolare, sulla SS 239 bisogna girare da un tornante con l’indicazione per la Val Nambrone.

La strada è asfaltata, ma piuttosto stretta.

Inoltre, c’è una piccola galleria che vista l’altezza bassa non consente il passaggio ai camper.

Una volta arrivati al Rifugio Nambrone si può lasciare l’auto gratuitamente nell’ampio parcheggio.

Il sentiero Amolacqua inizia proprio vicino al Rifugio Nambrone da dove parte la segnaletica anche per la cascata Amola.

E’ un percorso ad anello della durata di 45 minuti circa senza dislivello che si può tranquillamente fare con i bambini.

Visto che sono presenti, in numerosi tratti, delle radici d’albero il sentiero non è percorribile con i passeggini.

Sentiero Amolacqua e la cascata Amola

Il percorso Amolacqua in Val Nambrone inizia con la segnaletica del sentiero e anche con le indicazioni, fornite da un simpatico orso, su come comportarsi nel bosco, poche e semplici regole per rispettare e apprezzare la natura circostante.

Attraversato un ponticello in legno ci si addentra nel fitto bosco tra passerelle, torrenti dal colore turchese e verdi prati.

Ci si ritrova immersi in una natura rigogliosa dove gli alti abeti si intrecciano con lo scorrere del torrente Sarca di Nambrone.

All’improvviso, come per incanto, spunta tra i boschi la spumeggiante cascata d’Amola, uno spettacolare getto d’acqua che si getta tra le rocce.

La si può ammirare di fronte ad un ponticello di legno dove arrivano anche diversi spruzzi d’acqua.

Proprio per questo motivo consigliamo di portare con voi dei kway per evitare di bagnarsi visto che la tentazione di stare vicino alla cascata è tanta soprattutto per i bambini.

Ovviamente le sorprese non sono finite.

Dopo una breve camminata si arriva ad un’immensa distesa di prati e si passa per la caratteristica Malga Amola.

Da qui partono altri sentieri per fare delle belle escursioni, ma soprattutto qui ci si può organizzare per un pic nic in famiglia.

Proseguendo la passeggiata l’acqua ha delle tonalità meravigliose tra il blu e il turchese.

Tra ponticelli e prati il torrente Sarca forma delle piccole spiaggette e conche dove i bambini possono giocare con la sabbia.

In questo angolo di parco il paesaggio della Val Nambrone è davvero spettacolare, una vera delizia per gli occhi e le foto parlano da sole.

Val Nambrone: cosa vedere

Oltre allo spettacolare sentiero tematico Amolacqua nella splendida Val Nambrone è possibile vedere altri luoghi di straordinaria bellezza.

La valle, infatti, sale fino ad arrivare alle cime del gruppo Presanella con una superba vista sulle Dolomiti del Brenta.

Dal Rifugio Nambrone superato un ponticello sul fiume Sarca la strada prosegue per circa 9 km per raggiungere i laghi di Cornisello.

La strada è un continuo tornante, la carreggiata è stretta e in alcuni tratti senza parapetti, ma i panorami sulle montagne sono mozzafiato.

Si arriva al Rifugio Cornisello a 2.120 metri dove la strada finisce.

Da qui partono diversi sentieri escursionistici tra cui quello che porta ai due laghi di Cornisello.

Dopo una brevissima passeggiata si possono ammirare questi due specchi d’acqua circondati dalle rocce e dalle alte vette del massiccio della Presanella.

I contrasti di colore tra il grigio delle rocce e il blu dell’acqua sono magnifici in questo luogo avvolto dalla pace e tranquillità.

Per chi vuole fare un’altra escursione, dopo circa 30 minuti dal Rifugio Cornisello, è possibile raggiungere il lago Nero, uno dei luoghi panoramici più fotografati del Trentino.

Dopo tanta fatica, per riprendere le energie, inoltre, consigliamo di fermarvi in uno dei rifugi della Val Nambrone per concedervi una pausa golosa o un assaggio della cucina tipica della zona.

Quindi, se vi trovate in vacanza nei pressi delle località di Pinzolo o Madonna di Campiglio dedicate una giornata per fare una visita alla bella e incontaminata Val Nambrone, le sue bellezze naturali vi conquisteranno proprio come è successo a noi!

Se vi è piaciuto il nostro racconto, se volete, seguite la nostra pagina Facebook e il nostro profilo Instagram.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Privacy Policy Cookie Policy impostazioni tracciamento pubblicità