Spagna con i bambini: Barcellona, Valencia e Andalusia

Spagna-con-i-bambiniDa tempo pensavamo ad un itinerario per passare una vacanza in Spagna con i bambini.

Abbinare la visita alle sue famose città con la scoperta della splendida costa dell’Andalusia.

La Spagna è molto vasta con molteplici culture, grandi città conosciute in tutto il mondo, affascinanti villaggi e splendide cittadine sul mare.

Il nostro viaggio, di 15 giorni, nella terra del sole e del mare inizia da Barcellona per poi continuare verso Valencia e proseguire verso sud per esplorare la regione dell’Andalusia.

In Spagna con i bambini: la nostra organizzazione

Toro SpagnaDiverse compagnie low cost effettuano voi in molte città spagnole e regolarmente hanno delle buone offerte.

In marzo siamo riusciti a trovare una buona occasione per fine agosto e la nostra vacanza in Spagna con i bambini è risultata sorprendentemente vantaggiosa.

Prima di prenotare i nostri alloggi, abbiamo organizzato l’itinerario on the road in Spagna: le città da visitare, le cose da fare e da vedere, i luoghi da non perdere e soprattutto come raggiungerli per ottimizzare i tempi.

Viaggiando con due bambini piccoli, uno di 5 anni e l’altro di quasi 2 abbiamo acquistato in anticipo, on line, i biglietti per le entrate alle attrazioni più belle.

E’ stata una scelta azzeccatissima, sia per evitare le lunghe file agli ingressi, impossibili da affrontare con i bimbi, sia per non togliere del tempo prezioso alla visita delle città.

Così, ad esempio, per entrare alla Sagrada Familia a Barcellona è bastato scegliere un giorno, l’orario d’ingresso e presentare il voucher ricevuto via e-mail per entrare in pochi minuti in una delle opere più belle della Spagna.

Questo è l’indirizzo per prenotare on line i propri biglietti per l’ingresso alla Sagrada Familia.

Il noleggio auto in Spagna

Il passo successivo è stato quello di noleggiare un’auto.

Dopo aver confrontato i diversi prezzi degli autonoleggi abbiamo optato per la compagnia Hertz.

Dalle nostre ricerche è risultata la più vantaggiosa e anche quella che prevedeva la possibilità di ritirare l’auto a Barcellona e lasciarla a Siviglia, con il chilometraggio illimitato.

Per la riconsegna in una località differente rispetto a quella di partenza abbiamo pagato il servizio “one way” (solo andata) di euro 60,50.

Per i bambini, invece, abbiamo scelto di portare i seggiolini da casa, qui si possono trovare i nostri consigli per il noleggio auto.

Gli appartamenti: le nostre scelte in Spagna

Chiclana de la fronteraPer quanto riguarda gli alloggi, invece, abbiamo sempre optato per gli appartamenti, sia per avere maggiore libertà negli orari, sia per ricreare l’atmosfera di casa.

Cambiando 5 sistemazioni, durante il nostro viaggio in Spagna con i bambini, abbiamo scelto, nelle città, appartamenti vicini al centro e alle attrazioni più importanti.

Nella costa dell’Andalusia, invece, abbiamo preferito affidarci al turismo rurale.

Si tratta di case collocate in piccoli villaggi immersi nella natura che permettono un maggior contatto con la gente del posto e le sue abitudini.

Ma ecco le destinazioni del nostro itinerario in Spagna con i bambini, dove abbiamo percorso 2.500 chilometri.

Prima tappa BARCELLONA: un parco giochi all’aperto

Barcellona con i bambiniIl nostro viaggio inizia con la bellissima Barcellona, vivace e colorata città dove storia e modernità si mescolano.

Visto che muoversi a Barcellona è piuttosto facile e la rete di trasporti pubblici è molto efficiente abbiamo deciso di visitarla a piedi con passeggini al seguito.

Le attrazioni per i bambini non mancano.

Dal colorato Parc Güell, con la famosa salmandra, ai tetti simili alle onde del mare di Casa Milà.

Dal sensazionale spettacolo di luci e suoni della Fontana Magica alla scoperta di profumi e sapori al Mercato della Boqueria.

Passeggiare a Barcellona è come camminare in un parco giochi all’aperto.

VALENCIA: una città a misura di bambino

Valencia con i bambiniLa mattina della nostra partenza da Barcellona abbiamo ritirato l’auto e ci siamo diretti verso Valencia, la città più family friendly della Spagna.

Il Museo delle Scienze all’interno della Città delle Arti sembra essere stato pensato per i più piccoli, una tappa sicuramente da fare se si viaggia in Spagna con i bambini.

I bambini possono toccare, sperimentare, osservare, ci sono dei laboratori divertenti per ogni età.

Vicino si trova anche l’Oceanografico, il più grande acquario d’Europa con tantissime specie d’animali e persino uno spettacolo dei delfini.

Valencia è proprio l’ideale con i bambini.

E’ una città bella e verde dove è divertente gironzolare soprattutto al parco del Turia, un grande giardino pubblico costruito sul vecchio letto del fiume che ospita parchi, laghetti e campi sportivi.

Anche il centro della città si gira facilmente, così come molto bella è la passeggiata sul lungomare vicino al parco.

La protagonista della città è anche la paella di Valencia, buonissima quella venduta nei chioschi fuori dal Mercato Centrale.

In viaggio verso l’Andalusia: Almeria e la sua provincia

AlmeriaDa Valencia attraversando l’arida regione della Murcia incontriamo la prima città andalusa, Almeria.

E’ sicuramente la zona meno conosciuta di tutta l’Andalusia, nascosta da paesaggi brulli e spiagge incontaminate.

La città di Almeria è dominata da un’imponente fortezza, l’Alcazaba che si raggiunge dal centro passeggiando per i stretti vicoli, è piaciuta tantissimo ai nostri bimbi.

Il luogo, però più suggestivo della zona è sicuramente il parco naturale di Cabo de Gata, un’area con splendidi paesaggi e spiagge incantevoli, tra le più belle della Spagna.

Un altro paesaggio naturale naturale è il deserto di Tabernas.

L’unico deserto europeo che si trova a nord di Almeria ed è stato il set di molti film di Hollywood e Spaghetti Western.

Spagna con i bambini: il fascino di GRANADA

Granada con i bambiniUna deviazione dalla costa che merita è quella per visitare una delle città più misteriose ed affascinanti della Spagna.

Granada, ai piedi delle montagne della Sierra Nevada è incantevole, forti sono i richiami alla cultura araba.

In cima ad una collina, domina la splendida Alhambra, la cittadella rossa, simbolo della città.

L’abbiamo esplorata con i nostri bambini acquistando on line i biglietti (qui i link della pagina officiale dove prenotare gli ingressi) in modo da essere sicuri di poter entrare, ma soprattutto di evitare i lunghi tempi d’attesa sotto il sole.

L’area è molto vasta, diversi percorsi sono in salita e per entrare nei palazzi non si possono utilizzare i passeggini per la presenza di numerose scale.

Tanta fatica, però, è stata ripagata anche perché questo splendido complesso dallo stile arabo è tra le più belle attrazioni del nostro viaggio in Spagna con i bambini.

Noi e i bimbi siamo rimasti incantati da queste costruzioni fantastiche, dai giardini con percorsi tra alberi secolari e fiori, dai giochi d’acqua delle fontane e dalle imponenti torri.

COSTA DEL SOL e COSTA DE LA LUZ: paesaggi da sogno

Cadice con i bambiniIl nostro itinerario in Spagna con i bambini continua sulla costa vicino al mare.

Da Malaga a Cadice si susseguono paesaggi diversi, si attraversano villaggi bianchi, città sul mare, i colori della terra e del mare cambiano, rosse e azzurro a Malaga e giallo e blu verso Cadice.

Da Malaga, una vivace città portuale, affacciata sulla Costa del Sol partono diversi chilometri di spiagge affollate e attrezzate.

Arriviamo fino allo Stretto di Gibilterra, una terra di confine dove il Mar Mediterraneo lascia spazio all’Oceano Atlantico.

Il paesaggio cambia notevolmente ed è sicuramente il nostro preferito, quello della Spagna più autentica e selvaggia.

Ci fermiamo a Tarifa, la città più meridionale d’Europa e ci sembra di toccare con un dito l’Africa, la costa del Marocco è a soli 14 km.

Andalusia con i bambiniDa Tarifa a Cadice il panorama è magnifico.

Si trovano grandi distese di terra pianeggiante color giallo dove pascolano tori e mucche all’ombra delle enormi pale eoliche che si muovono mosse dal vento.

In questa zona le spiagge sono un vero spettacolo.

La nostra preferita è la spiaggia di Bolonia con la sua grande duna di sabbia bianca che contrasta il blu intenso dell’acqua.

Ci siamo persi, poi, tra gli stretti vicoli e le case bianche della città più antica della Spagna, Cadice affacciata sull’Oceano Atlantico.

Le due coste dell’Andalusia sono molto particolari, visitarle on the road è sicuramente il modo migliore.

Ultima tappa SIVIGLIA: tante attrazioni per tutti

Siviglia con i bambiniIl nostro viaggio in Spagna con i bambini non poteva che concludere in bellezza con la visita di Siviglia.

E’ una città allegra, piena di vita, colorata dove si mangia anche molto bene.

Ovunque si trovano le carrozze con i cavalli per fare un indimenticabile giro turistico, piace tantissimo ai bambini.

Le strade del centro sono molto strette e si aprono su magnifiche piazze dai mille colori.

Una di queste è Plaza de Espana, siamo rimasti tutti incantati quando abbiamo visto le sue splendide piastrelle e decorazioni variopinte.

Tantissime sono le attrazioni della capitale dell’Andalusia.

Ma Siviglia è anche la città dei molti tapas bar dove fermarsi all’ombra e gustare questi deliziosi spuntini.

Spesso si assistono ad improvvisi spettacoli di flamenco allestiti dai tanti artisti di strada che animano le vie.

Questo è il nostro itinerario in Spagna con i bambini. Un Paese meraviglioso dove la gente è solare e non manca mai di aiutarti e fare un sorriso.

Ogni occasione è una festa e allora ci si ritrova nelle piazze, nei ristoranti, nei caffè e si resta tutti insieme quasi a non sentirsi dei turisti.

Sicuramente organizzeremo un altro viaggio in questa terra così bella e grande, un altro on the road e quindi, non può essere che un ARRIVEDERCI SPAGNA!


Potrebbe interessarti anche:

Brentonico Mortigola

Consigli per viaggiare con bambini: meglio appartamento o hotel?


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.